10 motivi per cui viaggiare in Corea del Sud

Home // Corea del Sud // 10 motivi per cui viaggiare in Corea del Sud

Un paese ancora poco conosciuto e allora ecco dieci motivi di cui viaggiare in Corea del Sud:

1) Modernità futuristica

la Corea del Sud è un pioniere nella creazione di strutture nuove e innovative. Guardando a Seul, ad esempio, si è circondati da edifici futuristici, come il Dongdaemun Design Plaza di Zaha Hadid, mentre i quartieri tradizionali di Hanok
si trovano proprio dietro l’angolo. All’inizio di quest’anno, Seoul ha aperto con orgoglio il quinto più grande grattacielo del mondo. Non sorprende che alcune delle aziende leader a livello mondiale si trovino anche qui, tra cui Samsung, Hyundai e Kia.

2) fashion hub

Forse non lo sapevate ma la Corea del Sud è una dei più importanti centri della moda del mondo. I fashion lovers troveranno numerosi negozi dei più grandi designer e firme mondiali, insieme a show ed esibizioni distribuite durante tutto
l’anno. Molti brand coreani stanno inoltre diventando i favoriti di molte celebrità. Non perdetei il celebre Queenmama Market, uno dei fashion market più acclamati.

3) Gli Sky bars

Il modo migliore per ammirare la frizzante e colorata città di Seoul è dall’alto, bevendo un buon drink. In questo Seoul non ha quasi rivali, offrendo una vastissima varieta e scelta di sky bar da cui godere di viste panoramiche e drink
di altissima qualità. Non perdetevi la vista dal Le Style o brindate con dell’ottimo champagne nella terrazza giardino del Four Seasons, giusto per citarne due dei più famosi.

4) Hiking

Lasciate le frizzanti metropoli koreane è tempo di sgranchire le gambe su di una delle numerose montagne del paese. A maggioranza montuosa, la Corea del Sud è una destinazione amatissima per gli amanti di hiking e trekking (ben 22 parchi nazionali), con tanti percorsi, sentieri e montagne immerse in paesaggi bellissimi, come l’Hallasan o il monte Seoraksan nell’omonimo parco nazionale. Imperdibile.

5) Le quattro stagioni

A causa della posizione della Corea del Sud nell’Asia orientale, il paese è benedetto dal cambiamento delle stagioni. Non importa quando si viaggia in Corea, si potrà rimanere sempre sorpresi dai cambiamenti stagionali della natura, come
i fiori di ciliegio in primavera, i campi fioriti in estate, le foglie colorate in autunno e il velo bianco sui monti e nel countryside in inverno. Oltre al tempo che cambia, ogni stagione ha anche feste speciali e anche piatti, come il Taebaeksan Snow Festival in inverno e i cold noodle in estate.

6) La Campagna

Dato che la Corea del Sud non è ancora una destinazione popolare in tutto il mondo come i suoi vicini Cina e Giappone, troverete aree rurali intoccate che danno un’idea del tradizionale stile di vita coreano. Mentre circa il 20% di tutti
i sudcoreani vive a Seoul e nelle sue vicinanze, sono soprattutto i piccoli villaggi rurali dove si può trovare pace e tranquillità. Grazie agli ottimi collegamenti è facile esplorare anche le aree meno visitate del paese. Sarete sorpresi di trovare lussureggianti terrazze di riso e templi nascosti proprio qui in Corea del Sud.

7) I templi

Fermatevi un attimo in uno dei tantissimi templi coreani. La Corea del Sud è famosa per l’esperienza del temple stay, permettendo di pernottare in uno dei numerosi templi sparsi in ogni angolo del paese insieme ai monaci, trascorrendo
uno o più giorni in un oasi di pace e di rigenerazione. Senza dimenticare il patrimonio culturale e storico che i templi costituiscono, come il Bongeunsa Temple di Seoul.

8) Una Cultura pulsante

A causa della loro lunga storia, i sudcoreani hanno una grande varietà di tradizioni che hanno mantenuto in vita per secoli. Ancora oggi è possibile assistere a spettacoli tradizionali di danza e musica coreani, mentre la gente ama
vestirsi in abiti tradizionali (hanbok) – è possibile noleggiarli da indossare nei dintorni di Seoul e Jeonju, ad esempio. Anche nella moderna Seoul, è ancora possibile trovare quartieri tradizionali di Hanok con deliziose case da tè che esistono da decenni. Questo mix di antico e nuovo riesce ad essere estremamente coinvolgente e divertente da vivere in un viaggio in Corea del Sud.

9) La Storia

La Corea del Sud ha una lunga storia che risale a più di mille anni. A causa del naturale isolamento della penisola coreana, la cultura del paese non è cambiata tanto quanto in altre regioni. Ancora oggi, si può rimanere in soggezione di
fronte ad alcuni dei più importanti siti del patrimonio culturale del paese, come il Palazzo Gyeongbokgung a Seoul. La città di Gyeongju è anche un luogo di valore storico ed è spesso definita un “museo senza mura”. Gyeongju era la capitale della Corea durante la dinastia Silla dal 57 aC al 935 d.C. ed è sede di innumerevoli tombe reali, palazzi e templi che sono elencati come siti Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO.

10) Il cibo

I coreani sono molto orgogliosi della loro cultura gastronomica. Questo è un altro risultato dell’isolamento naturale del paese e del clima, che hanno da sempre portato a particolari metodi di preparazione del cibo. Prendete il kimchi,
ad esempio, il contorno numero uno del paese a base di verdure salate e fermentate che vengono conservate in barattoli per mesi, una delle tante pratiche utilizzate per proteggere il cibo durante i rigidi inverni. Nel corso dei secoli, i coreani hanno creato una cultura alimentare affascinante e ricca composta da piatti a base di carne, stufati, zuppe, piatti a base di noodle, frutti di mare e molti contorni di verdure. Visitando la Corea del Sud dovreste trascorrere un’intera giornata girovagando per i mercati di strada, assaggiando il tanto apprezzato streetfood.

Lasciate un commento

Your email address will not be published.