Aggiornamento apertura paesi post-Covid

Home // Indonesia // Aggiornamento apertura paesi post-Covid

Aggiornamento apertura paesi post-Covid

Dopo diversi mesi di frontiere chiuse e spostamenti limitati, i paesi stanno ricominciando ad riaprirsi al turismo internazionale. La situazione è in continuo aggiornamento e le date indicate potrebbero variare prima dell’effettiva riapertura dei confini di ciascun paese.

Vi riportiamo gli ultimi aggiornamenti riguardanti le nostre destinazioni, aggiornate al 16 giugno 2020.

PAESIVIAGGI INTERNAZIONALI
ThailandiaNon ancora consentiti
VietnamNon ancora consentiti
CambogiaSi, con restrizioni*
LaosNon ancora consentiti
MyanmarNon ancora consentiti
IndonesiaNon ancora consentiti
Sri LankaSi, dal 1 settembre 2020*
MaldiveSi, dal 15 luglio 2020*
MalesiaNon ancora consentiti
GiapponeNon ancora consentiti

*  Attualmente, secondo quanto dichiarato nel nuovo DPCM in vigore dal 9 agosto al 7 settembre 2020, non è ancora consentito lo spostamento dall’Italia in questi paesi per motivi di TURISMO.

AGGIORNAMENTO NUOVO DPCM (Agosto 2020)

Il nuovo DPCM in vigore dal 9 agosto al 7 settembre 2020 consente lo spostamento per motivi di turismo per nuove destinazioni, ma con obbligo di sottoporsi ad isolamento fiduciario e sorveglianza sanitaria una volta tornati in Italia.
Di seguito i paesi interessati dal nuovo DPCM, che noi trattiamo:

  • Australia
  • Giappone
  • Corea del Sud
  • Thailandia

Ricordiamo tuttavia che attualmente nessuno dei 4 paesi elencati ha ancora riaperto le frontiere ai viaggiatori internazionali, inclusi italiani.

THAILANDIA

Il paese sta iniziando a riaprire le attività del paese, pur mantenendo il coprifuoco dalle 23:00 alle 03:00. Resort e hotel nelle località più popolari stanno riaprendo al turismo domestico come molte attrazioni e sono state rilasciate le linee guida su come si svolgerà la riapertura ai visitatori internazionali, privilegiando quella tipologia di persone più resistenti al virus (giovani e adulti). Tuttavia non è ancora stata indicata una data precisa circa la riapertura, anche se potrebbe avvenire già per la metà di luglio o inizio agosto.

VIETNAM

Le attività domestiche, tra cui voli commerciali, treni e hotel, sono stari riaperti già da aprile, rivolte per ora al turismo domestico. Il paese mira a diventare il primo a riaprire ai visitatori stranieri dell’area. Il governo ha annunciato che il visto elettronico sarà concesso ai cittadini di 80 paesi dal 1 luglio 2020. Attualmente i confini sono ancora chiusi e si sta lavorando per la revoca alle restrizioni di viaggio, anche se la lista dei paesi e date effettive di ulteriori aperture ancora non sono state indicate.

CAMBOGIA

Il 23 maggio è stato revocato il divieto di ingresso in Cambogia per i visitatori provenienti anche dall’Italia. Tuttavia i turisti italiani e degli altri paesi accettati devono rispettare le linee guida del Ministero. Devono essere infatti in possesso di certificato medico (rilasciato nelle ultime 72 ore antecedenti la partenza) che attesti di non essere affetti dal nuovo coronavirus e di un’assicurazione sanitaria internazionale del valore di $ 50.000 mentre si trovano in Cambogia. Inoltre, sono comunque soggetti ad un periodo di quarantena di 14 giorni dall’arrivo, nel luogo designato dal governo, e testati per il coronavirus.
Come gli altri paesi, anche la Cambogia sta facendo ripartire il turismo domestico e si prepara a poter accogliere di nuovo i turisti stranieri con meno restrizioni.

LAOS

I viaggi domestici sono consentiti, come la riapertura di molte attività economiche, ma rimane il divieto di arrivo ai turisti stranieri. Grazie ad un numero limitato di casi e nessun decesso si lavora ad una riapertura progressiva.

MYANMAR

Le misure di prevenzione sono state estese al 15 giugno e si prevede che il paese inizierà a riaprirsi ai viaggiatori d’affari da inizio luglio e ai turisti stranieri da agosto.

INDONESIA

Molte attrazioni e località turistiche (come Bali) stanno riaprendo già dalla fine di Maggio, per ora rivolte al turismo domestico. Mentre il paese continua a collaborare strettamente con tutte le realtà del turismo, ancora non è stata indicata una data di riapertura per i visitatori stranieri.

SRI LANKA

Lo Sri Lanka riaprirà i propri confini ai viaggiatori stranieri, inclusi italiani, dal 1 agosto 2020. Tutti i visitatori avranno bisogno di ottenere il visto elettronico valido per un soggiorno di 30 giorni estendibile a 6 mesi del costo di 100$. E’ richiesto un minimo di 5 notti di soggiorno e andrà fornito l’itinerario di viaggio, prova di un assicurazione medica e le prenotazioni di hotel certificati (che potremo fornire). Per l’ingresso nel paese sarà richiesto un test negativo al virus non più vecchio di 72 ore prima del volo di arrivo. Arrivati verrà effettuato un nuovo test il cui risultato sarà disponibile in 24 ore (si sta lavorando per abbassare l’attesa a 4/6 ore) che si potrà attendere in un hotel 4/5 stelle selezionato dal governo a Colombo o Negombo. Dopo 4/5 giorni e dopo 10 giorni di viaggio complessivi, verranno effettuati altri test da unità mobili collocate nel paese.

MALDIVE

Come annunciato in questi giorni, le Maldive contano di riaprire le frontiere ai turisti stranieri (italiani inclusi) a partire da luglio 2020. Non è ancora stata indicata la data esatta ma ci si aspetta che verrà comunicata a breve.

MALESIA

Dal 7 giugno è subentrata una nuova fase di progressiva riapertura delle attività domestiche anche se, ad oggi, i voli internazionali non saranno ammessi prima del 31 agosto 2020 anche se non è da escludere una revisione di tale data. Dal 10 giugno sta ripartendo il turismo domestico.

GIAPPONE

Le frontiere sono ancora chiuse ai visitatori stranieri.

Lasciate un commento

Your email address will not be published.