Alla scoperta di Khao Lak

Home // Thailandia // Alla scoperta di Khao Lak

Nel 2004 fu uno dei punti maggiormente colpiti dal tragico tsunami che travolse la costa thailandese nel mare delle Andamane. Oggi è un’area completamente rinata, tutta da scoprire e da amare, quale? Khao Lak.

Letteralmente “monte Lak” (nome del principale picco dell’area), Khao Lak dà il nome ai circa venti chilometri che vanno tra i distretti di Takua Pa e Tap Lamu, nella provincia di Phang Nga, a nord della ben più nota Phuket.

Venti chilometri quasi ininterrotti di spiagge color bronzo, spezzate di tanto in tanto da piccoli promontori e formazioni rocciose. Se in origine a chiamarsi cosi erano solamente il piccolo villaggio di Ban Khao Lak, la spiaggia originale di Hat Khao Lak e la relativa baia, oggi per Khao Lak si intende l’intera area.

Seppur a poco più di un’ora di macchina dalla perla delle Andamane, Phuket, Khao Lak sembra trovarsi lontanissima dagli sfarzi, dalla movida e dalle folle della famosissima isola. Qui tutto è permeato da un clima estremamente rilassato e rigenerante e i ritmi meno frenetici.

La Phetkasem Road è la strada principale che percorre l’intera Khao Lak, unendo Phuket a sud con Ranong a nord di Khao Lak. E’ lungo questa strada che si trovano la maggior parte dei ristoranti e negozi dell’area (ben lungi dai numeri di Phuket però), concentrandosi principalmente nella zona di Nang Thong e Bang Niang. Il resto è solo spiagge incontaminate, hotel e resort di qualità, il tutto orlato da una natura verde e rigogliosa, che nella zona più interna si suddivide in diversi parchi nazionali, dove praticare attività naturalistiche come il trekking, bamboo rafting e molto altro.

COSA FARE

Lunghe spiagge incontaminate, isole dal mare cristallino, strutture di qualità affacciate direttamente sul mare, parchi nazionali rigogliosissimi circondati da picchi calcarei, cascate, laghi e grotte. Khao Lak è un vero e proprio piccolo paradiso naturale.

SPIAGGE

Per gli amanti del mare e delle immersioni Khao Lak non ha nulla da invidiare al resto della Thailandia. Se le sue spiagge, dalla sabbia color bronzo, sono bagnate da caldi acque smeraldine e costeggiate da palme è a largo delle sue coste che si trovano alcune delle isole più belle dell’intero paese, le Similan. Raggiungibili anche da Phuket è da Khao Lak che si raggiungono nel minor tempo possibile e meritano senza dubbio una visita. Tra le spiagge di Khao Lak le più note e apprezzate sono quelle di Bang Sak, Ao Thong Beach e Pak Weep Beach. Importante da sapere, a Khao Lak è particolarmente evidente l’effetto delle maree.

NATURA

Trekking, rafting e soggiorno in tenda o all’avventura. Le possibilità per gli amanti della natura e delle attività all’aria aperta troveranno una natura rigogliosa e lussureggiante. L’area è una delle più umide del paese e le foreste pluviali che vi si trovano sono tra le più antiche del mondo.

Sono diversi i parchi nazionali che si trovano a Khao Lak o nelle sue immediate vicinanze. Il Parco Nazionale di Khao Sok è indubbiamente il più affascinante ed incredibile, con le sue formazioni calcaree, grotte, foreste e laghi dove passare almeno una o due notti tra trekking e pagaiate. Il Lamu National Park e il Khlong Thap Liang si trovano immediatamente alle spalle della costa di Khao Lak e sono ideale per giornate di passeggiate e trekking, anche giornalieri. Altro capitolo a se è la stessa baia di Phang Nga, dove creste calcaree sono tagliate da fiumi e corsi d’acqua ricoperti da una natura rigogliosa, che tanto ricorda la baia di Halong in Vietnam.

Molte le cascate da raggiungere con percorsi più o meno brevi, come le Pakweep Waterfall, facilmente raggiungibili o le Ton Chong Fa Waterlfall e Ton Prai Waterfall, che richiedono più impegno ma ripagano dello sforzo.

MANGIARE

Se l’offerta di locali e ristoranti non è numericamente equiparabile a Phuket o Koh Samui, la proposta di Khao Lak è comunque interessante. Nel complesso l’atmosfera e il taglio è più family-friendly e rilassata. Dalla cucina francese a quella italiana, dal giapponese allo stile british, ogni palato trova comunque risposta alle proprie esigenze e gusti. Per fare qualche nome possiamo menzionare il classico Memories Beach Bar, un simpatico localino sulla spiaggia di Khuk Khak, accogliente e thailandese come cucina più piatti internazionali e grigliate fresche di pesce e carne. Molto valido l’Hill Tribe Restaurant, non sul mare, ma caratteristico, dove gustare un’autentica cucina thailandese. Sempre ottima cucina thailandese si trova al Everyday Lasy House e in realtà gli stessi ristoranti dei vari resort sono spesso di ottima qualità.

Ottima musica dal vivo, per una serata piacevole, si può ascoltare all’Happy Snapper Bar ed al Khao Lak Monkey Bar. Per un buon bicchiere di vino in una location più raffinata potete andare all’Ayisha Fine Art Fine Wine.

IN CONCLUSIONE

Khao Lak è la destinazione ideale per chi desidera trascorrere dei giorni al mare in un ambiente tranquillo e rilassato, con tante possibilità “aggiuntive”, specialmente naturale. Va detto che il “neo” (per molti è un plus in realtà) è che viste le dimensioni e lo sviluppo dell’area, spesso i resort e gli hotel si trovano relativamente isolati. Salvo alcune zone circoscritte, per spostarvi dovrete utilizzare un taxi o tuk-tuk, anche se i resort e strutture sono pienamente attrezzate per garantire un soggiorno di qualità con ottime proposte culinarie. Se amate stare affacciati sul mare, in una cornice naturale rigogliosa e spiccatamente tropicale, siete nel posto giusto.

Lasciate un commento

Your email address will not be published.