La Thailandia riapre le frontiere ai turisti italiani

Mentre le autorità thailandesi stanno definendo la via da percorrere per riaprire gradualmente il paese ai turisti stranieri, aggiorniamo lo stato attuale dei viaggi in Thailandia.

A partire dal 1 aprile al 30 giugno 2021, continua a essere prevista la quarantena obbligatoria in una struttura ASQ (hotel e resort convenzionati con il governo) prima di poter girare per il pese. La durata della quarantena è, tuttavia, diminuita. Dai 14 giorni si è passati ai 10 giorni di quarantena obbligatoria, 7 qualora si sia vaccinati.

Attualmente, per poter entrare come turisti in Thailandia, è necessario ottenere questi documenti e le misure a cui attenersi una volta in arrivo.

  1. Passaporto con validità residua di 6 mesi dall’entrata in Thailandia.
  2. Visto di ingresso.
  3. Richiedere ed ottenere il Certificato di entrata COE (Certificate of Entry)*
  4. Volo aereo andata e ritorno per da/per l’Italia.
  5. Prenotazione alberghiera in struttura ASQ.
  6. Certificato Covid-free.
  7. Tampone negativo e certificato “Fit to Fly” da presentare all’imbarco del volo intercontinentale che non sia superiore alle 72 ore.
  8. Assicurazione medica che copra almeno per USD $100.000,00 nel caso si contraesse il Covid19 valida almeno 90 giorni.
  9. Quarantena di 10 giorni in un hotel ASQ convenzionato tra quelli elencati nel sito del Governo (7 se si è vaccinati).

*La procedura per ottenere il Certificato di entrata COE può essere iniziata direttamente dal sito (https://coethailand.mfa.go.th) e solo all’ottenimento del certificato si potrà procedere con la prenotazione di voli e hotel convenzionati.

La lista dei vaccini attualmente accettati per la riduzione a 7 dei giorni di quarantena è:

  • Vaccino ARS-CoV-2 (CoronaVac) di Sinovac (2 dosi necessarie);
  • AZD1222 di AstraZeneca / Oxford (2 dosi necessarie);
  • AZD1222 di SK BIOSCIENCE – AstraZeneca / Oxford (2 dosi necessarie);
  • BNT162b2 / CORMIRNATY – Tozinameran (INN) di Pfizer / BioNTech (2 dosi necessarie);
  • Covishield (ChAdOx1_nCoV19) del Serum Institute of India (2 dosi necessarie);
  • Ad26.COV2.S delle società farmaceutiche Janssen di Johnson & Johnson (1 dose necessaria);
  • mRNA-1273 di Moderna (2 dosi necessarie).

In tutti i casi, il ciclo di vaccinazione deve esser concluso almeno 14 giorni prima della partenza. Qualora, al momento dell’arrivo, non si produca la documentazione corretta si procederà alla quarantena ordinaria di 10 giorni.

Ricordiamo anche che secondo la normativa italiana è permesso partire per motivi di turismo per la Thailandia, a patto di osservare l’isolamento fiduciario al ritorno in Italia.

Per ulteriori approfondimenti:

Si tratta sicuramente di una prima, seppur con alcune limitazioni, riapertura a quei viaggi che tanto ci sono mancati. Già stiamo ricevendo diverse richieste e prenotazioni e per chi avesse a disposizione diversi giorni e desiderasse passare una quarantena in un bel hotel e proseguire con un primo vero viaggio in un paese caldo e bello come la Thailandia questa possibilità messa in atto dal governo thailandese potrebbe essere una bella idea per il nostro caro motto: #tornermoaviaggiare !

Lasciate un commento

Your email address will not be published.