Alla scoperta della Malacca Siamese

Dal fiume Kwai al Khao Sok, passando per templi, grotte e parchi nazionali.

Alla scoperta della Malacca Siamese

Chi arriva per la prima volta in Thailandia, spesso guarda verso il nord, per un tour alla scoperta del Paese. Ma in questo itinerario scoprirai il sud, meno turistico e conosciuto, se non per le classiche isole di Phuket e Koh Samui. In questo itinerario attraverserai una parte della Malacca Siamese, la grande penisola che dopo la Thailandia lascia il posto alla Malesia e Singapore. Sarà l’occasione per visitare bellissimi templi dai diversi stili architettonici, per immergersi in incredibili parchi nazionali come il Sam Roi Yot e il Khao Sok e per tuffarsi dalle spiagge bagnate dalle acque del Golfo di Thailandia.

Tappe principali dell’itinerario:

Kanchanaburi – Fiume Kwai – Hua Hin – Sam Roi Yot – Chumpon – Khao Sok

Perché scegliere questo itinerario?

  • Scoprirai il sud della Thailandia, meno conosciuto del nord del paese, vedendo così un’altro aspetto della Thailandia.
  • Visiterai i parchi nazionali di Sam Roi Yot e Khao Sok.
  • Ammirerai il suggestivo tempio nella grotta di Phraya Nakhon.
  • Vedrai che la Thailandia ha anche “altre spiagge” oltre alle più note Phuket e Koh Samui.

1° giorno | Bangkok – Nakhon Pathom – Fiume Kwai – Kanchanaburi

Partenza da Bangkok dopo colazione e visita del Wat Phra Pathom Chedi, tempio che vanta lo stupa più alto del paese, una maestosa statua del Buddha e un’interessante leggenda secondo la quale sarebbe stato l’Imperatore indiano Ashoka a introdurre la religione buddhista nell’area. Il viaggio prosegue verso la provincia di Kanchanburi, teatro di importanti eventi storici della Seconda Guerra mondiale: viene consumato qui il pranzo, al termine del quale si visita una grotta che custodisce reliquie buddhiste, per poi iniziare un interessante percorso che conduce dalla stazione di Tham Krasae al celebre ponte sul fiume Kwai. Si viaggia nel mezzo della giungla sulla cosiddetta “ferrovia della morte”, linea costruita dai prigionieri alleati che, nei progetti giapponesi, avrebbe dovuto collegare la Thailandia alla Birmania, conosciuta con questo triste appellativo per le tante vite sacrificate a causa delle condizioni disumane del lavoro forzato. Visita del ponte e, tempo permettendo, del cimitero o del museo di guerra. Sistemazione e cena in una struttura nella foresta.

2° giorno | Kanchanaburi – Cascate Erawan – Petchaburi – Hua Hin

Dopo colazione, trasferimento al Parco Nazionale Erawan, area protetta di ben 550 km² dominata da magnifiche cascate di sette livelli, il più alto dei quali, simile alla testa dell’elefante bianco a tre teste guidato da Indra per la mitologia hindu, Erawan appunto, ha dato il nome al parco stesso. Uno scenario spettacolare fatto di acque spumeggianti, giungla color smeraldo, scivoli e piscine naturali turchesi ideali per fare il bagno, in particolare al secondo livello. Dopo il pranzo al sacco in questo contesto idilliaco, spostamento verso la costa del golfo di Siam con una breve sosta a Tham Khao Luang, suggestivo santuario buddhista all’interno di una grotta dalle molte immagini del Buddha illuminate dalla luce che penetra attraverso fori sul soffitto. Ai piedi della collina  visita del Wat Tham Klaep, monastero in stile Lanna, se il tempo lo consentirà. La serata prevede una cena sulla meravigliosa terrazza dell’hotel con vista sul mare, dopo la quale consigliamo vivamente una visita individuale al mercato notturno. Pernottamento in hotel.

3° giorno | Hua Hin – Sam Roi Yot Cave – Chumphon

Dopo la prima colazione in hotel, trasferimento a Sam Roi Yot, il parco nazionale dei “trecento picchi”. Ci si sposta a bordo di un’imbarcazione locale approdando ai piedi della Montagna Sacra da dove ha inizio la passeggiata verso la grotta Phraya Nakhon che custodisce all’interno il “trono” eretto durante il regno di Rama V, dedicata al quinto monarca della dinastia Chakri, il sovrano Chulalongkorn. Se possibile, la visita sarà effettuata tra le 10.30 e le 11.30, quando i raggi del sole filtrano attraverso la fessura sul soffitto illuminando il suggestivo tempietto. Pranzo in ristorante locale e spostamento a sud, con tappa al Wat Thang Sai, splendido tempio buddhista dalla cui sommità, raggiunta tramite un notevole numero di scalini, si gode di una magnifica vista sul mare della penisola di Malacca. Proseguimento per Chumphon, porta della regione meridionale della Thailandia: estese piantagioni di palme da cocco, formazioni rocciose, barriera corallina pullulante di vita, pesce fresco e tanto relax su spiagge ampie e semideserte. Cena e pernottamento in hotel.

Attività opzionale per la mattina (a pagamento): “Tak bat”, antichissimo rituale del gentile popolo del Siam, che consiste nell’offrire cibo per il loro sostentamento ai monaci buddhisti che sfilano silenziosi con le loro ciotole. Questa emozionante cerimonia, di fondamentale importanza nella cultura thailandese, non è una forma di carità come potrebbe apparire ai nostri occhi occidentali, ma un gesto di fede e di dedizione, un segno di rispetto e di ringraziamento per gli insegnamenti che i religiosi impartiscono quotidianamente ai credenti, nonché una manifestazione di gentilezza e di altruismo verso gli altri: una buona azione ogni giorno aiuta a essere una persona migliore nel percorso di crescita personale ed è un momento importante del proprio processo di redenzione. Questa attività, che richiede il massimo rispetto per i monaci e per la loro concentrazione si svolge attorno alle ore 6.30 del mattino sulla tranquilla spiaggia di fronte all’hotel.

4° giorno | Chumphon – Khao Sok

Dopo la prima colazione in hotel, trasferimento a Sam Roi Yot, il parco nazionale dei “trecento picchi”. Ci si sposta a bordo di un’imbarcazione locale approdando ai piedi della Montagna Sacra da dove ha inizio la passeggiata verso la grotta Phraya Nakhon che custodisce all’interno il “trono” eretto durante il regno di Rama V, dedicata al quinto monarca della dinastia Chakri, il sovrano Chulalongkorn. Se possibile, la visita sarà effettuata tra le 10.30 e le 11.30, quando i raggi del sole filtrano attraverso la fessura sul soffitto illuminando il suggestivo tempietto. Pranzo in ristorante locale e spostamento a sud, con tappa al Wat Thang Sai, splendido tempio buddhista dalla cui sommità, raggiunta tramite un notevole numero di scalini, si gode di una magnifica vista sul mare della penisola di Malacca. Proseguimento per Chumphon, porta della regione meridionale della Thailandia: estese piantagioni di palme da cocco, formazioni rocciose, barriera corallina pullulante di vita, pesce fresco e tanto relax su spiagge ampie e semideserte. Cena e pernottamento in hotel.

Cosa comprende l’itinerario
  • Sistemazione in camera doppia.
  • Pasti come da programma (bevande escluse).
  • Trasferimenti e visite con guide locali parlanti italiano.
  • Biglietti d’ingresso per i siti a pagamento.
  • Assistenza in loco di personale parlante italiano e inglese.
  • Assistenza dall’Italia h24 Bell Travel.
Non compreso

Voli aerei dall’Italia, spese personali, pasti non menzionati nel programma, mance e tutto quanto non indicato nella voce Cosa comprende.

Personalizza!

Questo itinerario è vivamente consigliato dopo un primo soggiorno di una o due notti a Bangkok. Potresti valutare di continuare l’itinerario con il pernottamento nel Khao Sok, così da aggiungere anche un trekking nella giungla e continuare a scoprire il bellissimo parco nazionale e/o proseguire con un soggiorno mare a Khao Lak o Phuket. Oppure potresti fermarti qualche notte in più a Chumpon, per goderti delle sue spiagge meno turistiche. Contattaci con l’apposito modulo, così da aiutarti a creare il Tuo viaggio ideale.

Una volta inviata la richiesta di preventivo, riceverai un'email di conferma. Per sicurezza, controlla anche nella cartella dello SPAM.

Mappa del viaggio