Una donna, sette uova e un paradiso: benvenuti a Raja Ampat

Home // Indonesia // Una donna, sette uova e un paradiso: benvenuti a Raja Ampat
Una donna, sette uova e un paradiso: benvenuti a Raja Ampat

Raja Ampat

Chissà quali emozioni deve aver provato il navigatore portogese Jorge de Menezes quando nel lontano 1526 approdò per la prima volta in una delle isole dell’arcipelago di Raja Ampat. Era il primo europeo ad attraversare questo incredibile scenario, disseminato di migliaia di isole e isolotti completamente ricoperti da vegetazione e pressoché disabitati. Probabilmente le stesse che si possono provare oggi, visto che, fortunatamente, poco è cambiato.

raja-ampat4

Ci troviamo al largo della punta a nord-ovest della parte indonesiana dell’isola della Nuova Guinea, nella provincia chiamata West Papua (Papua Occidentale) nell’estremità orientale dell’Indonesia. Tanti nomi che possono intendere luoghi remoti e inaccessibili, ma grazie ai voli diretti con Jakarta, Manado e Ujun Pandang non più di tanto.

Il nome, secondo la mitologia locale, richiama ad una donna che trovò sette uova. Quattro si schiusero dando vita a quattro re che occuparono le quattro isole più grandi dell’arcipelago, Misool, Salawati, Batanta e Waigeo. Le tre rimanenti si trasformarono in un fantasma, in una donna e l’ultima in una pietra.

Oggi l’arcipelago di Raja Ampat è organizzata in una Regency (una sorta di regione autonoma come le nostre) abitata da una popolazione dedita essenzialmente alla pesca e distribuita solo sulle isole più grandi. Curiosamente, pur essendo l’Indonesia a maggioranza mussulmana, qui la religione più diffusa è quella cristiana.

raja-ampat

Ma oltre ai suoi abitanti accoglienti e ospitali il principale tesoro dell’arcipelago è la sua ricchissima natura sia su terra che in mare. Trovandosi nel Coral Triangle (che comprende Indonesia, Malesia, Filippine e Papua Nuova Guinea) e a cavallo tra l’Oceano Indiano e il Pacifico, Raja Ampat ospita una delle biodiversità più grandi del mondo ed è uno dei 10 migliori siti di immersione in assoluto.
Se volete qualche numero, parliamo di circa 540 specie di corallo, di cui 13 endemiche e più di 1070 specie di pesci corallini, senza menzionare quante specie di molluschi e altri esseri viventi popolano le acque e le isole dell’arcipelago. In una tale vastità di vita non è difficile imbattersi in tante curiosità, come i pipistrelli diurni dell’isola di Um o le tantissime e coloratissime specie di uccelli, come il curioso Western Crowned Pigeon o il Wilson’s Bird of Paradise.

raja-ampat8

Oltre alle immersioni, le isole di Raja Ampat (specialmente le più grandi) si prestano benissimo anche all’esplorazione con percorsi di trekking che si snodano tra giungle rigogliose, siti funerari abbandonati, ruscelli limpidissimi e cascate rinfrescanti. Da non perdere, se l’isola è accessibile durante la vostra visita, la salita del Monte Pindito (più una grossa collina) sull’isola di Wayag, da cui si gode di una vista spettacolare su tutto l’arcipelago. In alternativa l’isola di Piaynemo e la Kabui Bay danno accesso, più facilmente, ad altrettanti bellissimi scorci.

raja-ampat5

Tanta ricchezza permette di soddisfare anche chi non è particolarmente interessato alle immersioni, ma preferisce magari esplorare in kayak le tante isole o dedicarsi ad attività più tranquille.
Il modo più comodo e pratico, nonché unico, per visitare l’arcipelago è infatti esclusivamente via mare, affidandosi a longboat.

raja-ampat11

COME ARRIVARE

L’aeroporto che serve la provincia è quello di Sorong, con voli diretti con Jakarta, Manado e Ujun Pandang. E’ la località più grande, qui troverete qualche ATM per prelevare, ma è fermamente consigliato arrivare già con soldi cambiati non potendo assicurare il funzionamento delle carte.
Da qui ci si imbarca per l’arcipelago di Raja Ampat, le cui strutture si dividono sostanzialmente tra resort immersi nella natura e tra le isole e homestay. Per le immersioni vi consigliamo di affidarvi esclusivamente a centri ufficiali e iscritti ai principali circuiti internazionali.
Ricordiamo inoltre che l’ingresso al parco marino di Raja Ampat prevede il pagamento di un permesso d’ingresso (circa 100$) spesso forniti dagli stessi Resort.

raja-ampat10

QUANDO ANDARE A RAJA AMPAT

Il periodo migliore in assoluto dovrebbe essere quella a cavallo tra la metà di Ottobre e la metà di Dicembre, anche se la bella stagione arriva fino ad Aprile.

TRA I VILLAGGI

Se deciderete di visitare anche qualche villaggio locale, è caldamente consigliato indossare sempre almeno una t-shirt e dei pantaloncini e non girare in costume (nel paese). I popoli locali, seppur ospitali e accoglienti, anche se non manifestato apertamente, non lo apprezzerebbero tanto.
Essendo in maggioranza cristiana, la popolazione dei villaggi è abituata a vivere la Domenica in famiglia e al riposo, cercate quindi di dedicare la giornata ad attività da svolgere in autonomia (e di certo non mancano) e non forzare troppo la la popolazione locale (ovviamente sono garantiti i normali servizi dei traghetti, ristoranti, ecc…).

La nostra proposta:

 

Oppure:

Lasciate un commento

Your email address will not be published.