A dormire nella Hang En Cave!

Home // Vietnam // A dormire nella Hang En Cave!
A dormire nella Hang En Cave!

Ci sono ben poche parole per descrivere l’ebrezza che si deve provare a dormire in una tenda sotto l’enorme volta delle terza più grossa caverna del mondo, la Hang En Cave.

Ci troviamo in Vietnam, nel Parco nazionale di Phong Nha-Ke Bang nella provincia di Quảng Bình, circa 3 ore di macchina a nord di Hué. Qui la natura è selvaggia e ancora incontaminata, letteralmente disseminata di grotte e caverne, oltre che ricoperta da una folta foresta e diverse montagne oltre i 1000 metri (ma di poco).
Sono ben 300 le caverne individuate, anche se molto meno quelle esplorate, e due di esse figurano tra le più grandi al mondo. La Hang En Cave appunto e la Hang Sơn Đoòng, alta ben 200 metri (!).

Basta dare un occhiata a qualche foto per capire cosa significa ed è più che sufficiente per capire quanto possa essere ricco il parco e le sue grotte. Si parla di chilometri e chilometri di fiumi sotterranei, tunnel, formazioni calcaree e tante specie animali endemiche, di cui una scoperta da poco (una specie di geco).

Affascina sapere che nel 19° Secolo, il sacerdote cattolico Léopold Michel Cadière rinvenne iscrizioni parietali risalenti all’epoca Champa, l’impero che occupo il centro del Vietnam dal VII al XV secolo . La prima testimonianza vietnamita scritta invece ci arriva dal 1550 per mano di tal Dương Văn An e dal 1990 ad oggi un pool di geologi vietnamiti e inglesi appartenenti alla British Cave Research Association continua ad esplorare questo paradiso geologico; e tra le più recenti scoperte possiamo annoverare quella da loro definita come la più bella caverna del parco, la Paradise Cave, nome indubbiamente eloquente.

gallery_cave1

Per visitare il parco nazionale e le relative grotte è estremamente consigliabile unirsi ad una delle diverse visite guidate organizzate in loco. Generalmente sono affidabili, ben attrezzate e precise. Le possibilità di visita sono numerose ma per logica prevedono tutte un minimo di adattamento e di preparazione nel camminare. Una delle più emozionanti è la visita in piccoli gruppi che attraversano parte della foresta, delle risaie e dei boschi per arrivare nella caverna di Hang En dove si rimane a dormire in un piccolo campo attrezzato di tende (la cena è sempre inclusa, da campo ma buona).
Non mancano le escursioni più profonde delle grotte e vere e proprie spedizioni con tappe e di più giorni (con nuotate nelle stesse).

Per arrivare al parco e al centro visitatori si può usufruire dell’aeroporto di Đồng Hới a 45km dal parco e la località più vicina è proprio Đồng Hới. In alternativa si può partire da Huè con tour in giornata.

Lasciate un commento

Your email address will not be published.