5 film da vedere prima di partire per la Thailandia

Home // Thailandia // 5 film da vedere prima di partire per la Thailandia
5 film da vedere prima di partire per la Thailandia

Quando si tratta di dover includere “location” esotiche e legate a qualche paese asiatico, molto spesso è la Thailandia ad essere scelta come set di molti film internazionali. Molte volte veste i “panni” di alcuni suoi paesi confinanti, come il Vietnam, Myanmar e la Cina, a volte di paesi più lontani come l’India, a volte addirittura altri pianeti.
Ben tre film della seria Rambo, che riproducono ora fughe da campi di prigionia in Vietnam, ora salvataggi tra le tribù dei Karen in Myanmar, sono in realtà girati in Thailandia.
Nell’epico Alexander di Oliver Stone, dove si narrano le gesta di Alessandro Magno tra Medio Oriente, Asia Minore e India, molte scene sono state invece girate lungo il fiume Mekong, nella provincia di Ubon Ratchathani.
Addirittura alcune scene di Star Wars Episodi III – La Vendetta dei Sith sono state girate nella provincia di Krabi, riproducendo il pianeta nativo degli Wookiee: Kashyyyk.

Tantissimi film regalano scorci della Thailandia, spesso sotto mentite spoglie, ma ecco alcuni dei film da vedere prima di partire, dove la Thailandia è protagonista e parte integrante della storia:

L’uomo dalla pistola d’oro

Uscito nel 1974, il film fa parte dell’immortale filone dei film su James Bond, interpretato in questa pellicola da Roger Moore e che vede anche un giovanissimo Christopher Lee. Mentre aa spia per eccellenza si ritrova alle prese contro un certo “Scaramanga”, la pellicola è ambientata principalmente in Thailandia, tra Bangkok e la provincia di Phang Nga, vicino a Phuket. Una delle isole riprese nel film è l’isola di Khao Phing Kan, oggi nota più comunemente come James Bond Island, immortalata infatti dalla pellicola perché coso segreto del nemico di James Bond.

The Beach

irato giovani viaggiatori di tutto il mondo. Il film inizia con un Leonardo di Caprio per le frenetiche vie di Bangkok, giovane arrivato in Thailandia alla ricerca di avventura. Entrato in possesso di una mappa con le indicazioni di un isola misteriosa, si ritroverà catapultato in una Phi Phi Island (nella provincia di Krabi) paradisiaca, abitata da una comunità di hippie e dove la vita si rivelerà meno “paradisiaca” di quanto immaginato. Le scene indimenticabili di Maya Bay, nascosta tra le alte formazioni rocciose, hanno ispirato migliaia di viaggiatori da tutto il mondo e trasformato l’isola in uno dei luoghi più visitati della Thailandia. (vi rimandiamo al nostro articolo sui luoghi precisi)

Le due vie del destino – The Railway Man

Con Colin Firth e Nicole Kidman come protagonisti, il film racconta la storia di un prigioniero britannico sopravvissuto alla prigionia subita in Thailandia durante l’occupazione giapponese durante la Seconda Guerra Mondiale, che torna a fare i conti su quanto vissuto quando incontrerà e sposerà Nicole Kidman, che lo aiuterà a superare i tormenti riaffiorati.
Girato tra Inghilterra e la provincia thailandese di Kanchanaburi, il film permette di approfondire la storia thailandese durante l’occupazione giapponese, quando questa regione era attraversata dai lavori di costruzione di quella che divenne nota come Ferrovia della Morte, costruita come arteria di rifornimento giapponese tra Thailandia e Myanmar e che vide l’impiego forzato di centinaia di prigionieri alleati e locali. Una storia d’amore, di vita e anche di storia.

Una notte da leoni 2

Seconda puntata della fortunata e popolare commedia, le scene e vicende si spostano da Las Vegas a Bangkok, protagonista di tutta la pellicola, con le sue vie, bellissimi hotel (con il LeBua set principale) e movimentata vita quotidiana, dove Bradley Cooper e i suoi compagni d’avventura/sventura saranno alle prese con un altro matrimonio a rischio.

Lo zio Boonmee che si ricorda le vite precedenti

Unico film thailandese a vincere, nel 2010, la Palma d’oro al 63° Festival di Cannes, è un lungometraggio d’autore tra il genere drammatico e commedia. Racconta la storia del protagonista, lo zio Boonmee, malato di insufficienza renale e dei suoi ultimi giorni in campagna, nel villaggio di Nabua, nella provincia di Nakhon Phanom, nella regione thailandese dell’Isaan. Un film in cui si toccano tradizioni fortemente thailandesi, come il legame con il Buddhismo e il concetto di reincarnazione e alcuni momenti storici indicativi per il paese, come il rapporto con i comunisti negli anni 60.

Lasciate un commento

Your email address will not be published.